Gastronomia calabrese a base di prodotti tipici locali, come la Nduja di Spilinga, Cipolla Rossa di Tropea e Pecorino del Poro.

Calabria e dintorni -> Cucina tipica calabrese
  • Cucina calabrese


Cipolla tropea

Semplice e gustosa, la cucina calabra è il risultato di una splendida mescolanza fra le varie culture che nel corso dei secoli hanno toccato il suolo della regione. Contrariamente a quello che si può pensare, è più la carne che il pesce a trovare una collocazione ben radicata nella tradizione culinaria, che sfocia nella produzione di diverse specialità di insaccati: i capicolli, le salsicce, le soppressate e la ´nduja, un particolare tipo di salsiccia condita con pepe nero, peperoncino piccante, sale e semi di finocchio. Oltre che finire negli insaccati, la carne di maiale, assieme al capretto e all´agnello, viene generalmente cotta nel sugo o alla griglia.

Altra specialità della regione è la pasta, rigorosamente fatta in casa e condita con sugo di carne e pomodori. Naturalmente anche il pesce è un piatto tipico delle zone costiere: gamberi, sgombri, calamari, polipi sono gli ingredienti fondamentali di squisite fritture. Il pescespada, pescato nello Stretto di Messina, viene servito nei modi più disparati: in sottili fette di carpaccio affumicato, alla griglia e in umido con intingoli vari. Merita un citazione anche la sardella, che qualche volta viene chiamata mustica, nome di origine araba che significa "vaso di terracotta" e che fa sì che il prodotto prenda il nome del recipiente nel quale viene conservato. Deliziose sono le salse che si ricavano dalle sardelle, che vi consigliamo di gustare su fette di pane fatto in casa spalmato di burro. Anche le verdure e le conserve hanno un loro ruolo nella cucina calabrese: viene dato largo spazio a pepe, peperoncino e peperoni per insaporire pomodori essiccati conservati sott´olio, zucchine, funghi tipici delle montagne locali.

 

PecorinoDa provare assolutamente sono le melanzane ripiene e le peperonate. Fra i formaggi il più meritevole di menzione è sicuramente il caciocavallo podolico, ormai prodotto solo in piccole fattorie e in modo totalmente artigianale nella zona della Sila. Esteriormente molto somiglianti a piccole provole sono i butirri, composti da un involucro di pasta filata e imbottiti di burro. Molto più classica ma non per questo meno gustosa è la ricotta affumicata, fatta affumicare nella fuscella a fumo di fuoco a legna e generalmente servita grattugiata sulla pasta. Da segnalare anche il formaggio del Poro, pecorino estremamente aromatico proveniente dall´altopiano del Poro, nella zona di Tropea.

Per valorizzare a pieno i sapori dei prodotti caratteristici della regione non potete non accompagnarli con i corposi vini locali, prodotti di una tradizione millenaria. A partire dalle ottime produzioni della zona di Vibo e Rossano, ai vini calabresi DOC propriamente detti: Bivongi, Greco di Bianco, Lamezia, Melissa, Pollino, Savuto e Cirò, che si narra venisse offerto in dono agli ospiti illustri della Magna Grecia e agli atleti vincitori delle Olimpiadi.